In corso

Nascita di una Nazione
Tra Guttuso, Fontana e Schifano

 

Dal 16 marzo al 22 luglio 2018 si terrà a Palazzo Strozzi la mostra Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano: uno straordinario viaggio tra arte, politica e società attraverso opere di artisti come Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto.

Un’occasione per raccontare e riflettere sui contrasti, le trasformazioni e le nuove tendenze artistiche in Italia tra la fine del secondo conflitto mondiale e gli anni della contestazione: dall’antagonismo tra Realismo e Astrazione nel dopoguerra al trionfo dell’Informale negli anni Cinquanta, fino alla Pop art e all’Arte Povera e concettuale negli anni Sessanta.

 Nascita di una Nazione

Scopri le notizie e le diverse storie che animano Palazzo Strozzi

Salva

Salva

Salva

5 comments

  1. Mi affascina l’idea dell’artist di intrecciare un dialogo con due opere del Museo di Firenze -la Maddalena Penitente di Donatello e la Pietà Bandini di Michelangelo-attraverso un video dell’artista Bill Viola capace di assecondare il Suo intuito di artista alla ricerca dell’umanità- in questo “macchinismo infernale” del nostro Tempo

  2. Il cinquecento a Firenze rivissuto nel 2017 dai visitatori di palazzo Strozzi. L’educazione, sopra ogni interesse, e così è. Una mostra curata con raffinatezza ed attenzione, uno sciabordio di colori riportati alla luce dai restauri, di stili e di storia.
    È un’esperienza che straborda di emozioni fino alla commozione.
    Un ringraziamento per chi ha permesso la realizzazione di questa meravigliosa mostra e una stretta di mano ai curatori.

  3. Ciao a tutti….io sono Gianluca e sono stato alla mostra con la mia classe.
    Chiara, la guida che ci ha accompagnato per la mostra ed i laboratori, è stata bravissima e gentile: ci ha spiegato tante cose belle….come osservare e divertirsi a guardare i dipinti….e ci ha anche spiegato come fare a diventare pittori. Sono stato benissimo insieme a Chiara, la mia classe e le mie maestre.
    Saluti Gianluca.

  4. increscioso il fatto che per comprare i biglietti on line non sia previsto il sistema basato su Paypal.
    A me è costato cinque euro in più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *